Mantova cultura 2017
Amorosi assassini
Il monologo interpretato da Valeria Perdonò è a Bancole, per la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, poi a Milano
25/11/2016
Dal 28 novembre al 1 dicembre Valeria Perdonò sarà in scena al Teatro Libero di Milano con “Amorosi Assassini. Facciamo finta di niente, dai…”. L’attrice, accompagnata al pianoforte da Marco Sforza, con sensibilità e ironia costruisce uno spettacolo che corre tra cronaca e poesia, tra documenti e musica, tra attualità e humor, ispirandosi all'omonimo saggio edito da Laterza, in cui tredici giornaliste e scrittrici raccontano casi di violenza su donne.

Per combattere l’indifferenza, in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, venerdì 25 novembre alle ore 21, il medesimo spettacolo viene proposto nella sala civica di Bancole di Porto Mantovano. Art director Federica Restani, produzione Ars Creazione e Spettacolo. La data mantovana è seguita da una chiacchierata con le giornaliste Valeria Dalcore e Ilaria Perfetti.

Musica, cronaca e poesia. L'attualità è messa a nudo con ironia, partendo dalla storia vera di Francesca Baleani, per parlare di violenza di genere, di amore e di donne. Una voce in più, per non far finta di niente o almeno provarci, con impegno ma anche leggerezza. Francesca Baleani è stata quasi uccisa dal suo ex marito ma si è salvata per miracolo ed è riuscita a ricominciare una nuova vita. Il monologo ruota attorno alle sue stesse parole così piene di disperazione e, nonostante tutto, di meraviglioso attaccamento alla vita, di rinascita. L'episodio della Baleani si è consumato in un ceto sociale benestante e culturalmente molto elevato, e così viene meno il luogo comune per il quale siamo portati a credere che la maggior parte delle violenze sulle donne avvenga in sfere economico-sociali basse o ai margini. La storia di Francesca diventa dunque il filo conduttore per aprire una piccola riflessione al riguardo, per dare un tono positivo e di speranza, con tutta la violenza che comporta.

Valeria Perdonò si avvicina al teatro da bambina studiando danza classica e poi contemporanea con la coreografa Sisina Augusta. Nel 2008 si diploma presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" di Roma e studia con Maestri come Luca Ronconi, Lorenzo Salveti, Anna Marchesini, Peter Clough, Francesco Manetti. Il suo percorso spazia dal teatro classico al teatro contemporaneo, in contesti istituzionali come in produzioni indipendenti, lavorando al fianco di artisti e registi come Paolo Graziosi, Daniele Salvo (Coefore/Eumenidi – Centenario Teatro Greco di Siracusa 2014, Pompei, Cipro) Lorenzo Salveti (Biennale Venezia 2007), Gianfranco de Bosio (VI Congresso Mondiale Teatro Universitario – Urbino 2006; Festivaletteratura Mantova 2009), Cesare Lievi, Antonio Zanoletti, Corrado d’Elia, Eleonora d'Urso (Spoleto Festival dei Due Mondi 2010), Giuseppe Emiliani (tournèe italiana Teatro Carcano di Milano 2010/11), Emilio Russo, Omar Nedjari, Luca Ligato, Marco Maccieri, Manuel Renga. Con l'attore e amico Alessandro Lussiana porta avanti da anni un percorso di studio e ricerca a due. Nel 2013 vince il Premio Salicedoro Prosa classificandosi al Terzo Posto. Collabora con l'Associazione e Compagnia ARS Creazione e Spettacolo di Mantova.

Marco Sforza è un cantastorie dallo spiccato senso dell’humor e dalla sincera musicalità, pianista virtuoso e chitarrista beffardo. Intrise della tradizione dei grandi cantautori, le sue canzoni seminano ironia e disincanto, e nello stesso tempo coniugano folklore popolare e chanson alla francese, con amena e gustosissima spensieratezza. È vincitore di Festival e Concorsi musicali nazionali tra cui, nel 2009, il Premio Augusto Daolio e il Contest Nazionale City Music Lab, o il Premio Pigro 2010 in ricordo di Ivan Graziani. Selezionato dal Club Tenco a partecipare alla rassegna il “Tenco Ascolta 2011” dedicata ai giovani cantautori esordienti, ha scritto colonne sonore per diversi cortometraggi. Da anni collabora stabilmente con il Centro Teatrale Mamimò a Reggio Emilia. Il suo ultimo album “Suonare Bargioni Sforza” è uscito il 16 agosto 2016.

La Cittadella Mantova La Cittadella Mantova