Visto con i nostri occhi
Festivaletteratura, conto alla rovescia: Mantova ritorna «capitale»
Mercoledì riparte la kermesse che ogni anno mette la città sul palcoscenico letterario mondiale: oltre duecento incontri, per tutti i gusti, fino al 10 settembre
04/09/2017
«Festivaletteratura è un programma pazzesco». Lo definisce così, con questa efficace espressione, Stefano Baia Curioni, presidente del Centro internazionale d’arte e di cultura di Palazzo Te. Gli eventi in calendario, dal 6 al 10 settembre, sono 231. Ce n’è davvero per tutti i gusti. Per alcuni giorni, Mantova riscopre la sua anima più profonda, quella culturale, città con una spiccata vocazione per l’arte, l’approfondimento, le “cose belle”, proprio come lo era stata l’anno scorso: “capitale italiana della cultura”.
Muoversi tra le infinite pieghe del Festival non è facile. Ci ha provato il “nostro” don Renato Pavesi, con un ampio articolo che pubblichiamo a pagina 4. «Il Festival assomiglia a Internet», in cui si trova di tutto, scrive. Proprio perché è un immenso “contenitore”, abbiamo provato a raccogliere alcuni suggerimenti di persone di cultura della nostra città. Abbiamo chiesto: «Lei quali eventi del Festival consiglierebbe ai lettori della “Cittadella”, e perché?». Ecco le loro risposte.
Partiamo da Baia Curioni, il quale, oltre a suggerire la rassegna “La parola che canta” (Poesia e musica a Palazzo Te), raccomanda “Lezioni di creatività italiana”, giovedì 7 settembre (evento n. 51), con Jeffrey Schnapp, «grande studioso di narrativa internazionale e curatore di importanti mostre». Il direttore del Museo di Palazzo Ducale, Peter Assmann, invece è un amante del cinema e non perderà gli appuntamenti di “Pagine nascoste” sulle diverse figure della letteratura.
Sono tre gli autori che propone Alberto Grandi, docente di Storia economica all’Università di Parma: Marco Malvaldi (evento 35), David Armitage (113) e Franco Berrino (24). Con queste motivazioni: «Malvaldi è uno dei giovani autori italiani più brillanti. Lo storico David Armitage offre una qualificata analisi sulle guerre civili, meno legata alla cronaca e all'emotività». Infine, Berrino, noto medico epidemiologico, fornisce una corretta lettura dei nostri stili alimentari.
«Fra i numerosi eventi, tutti di richiamo, mi permetto di segnalarne tre», afferma Marina Di Pellegrini, titolare dell’omonima libreria con sede in città. Sabato 9 settembre, “Il ponte tra l’Africa e l’Europa” (n. 132): il medico Pietro Bartolo dialogherà con lo scrittore Davide Enia sulla tragedia degli sbarchi dei migranti. Per domenica 10, l’incontro con Melania Mazzucco, autrice di Io sono con te (n. 194), e l’appuntamento con lo psicoanalista Massimo Recalcati (n. 206): «Agganciandosi a Edipo e alla parabola evangelica del figliol prodigo, Recalcati spiegherà il significato del legame tra genitori e figli».
Al telefono abbiamo raggiunto anche il vescovo Marco Busca, il quale non potrà partecipare al Festival perché impegnato a Roma in un corso per i vescovi di recente nomina. «Se fossi stato a Mantova – dice – sarei intervenuto molto volentieri all’evento 45 del 7 settembre: il dialogo tra Gian Enrico Rusconi e Alberto Melloni sulla “teologia narrativa” di papa Francesco». Per chi è interessato a tematiche religiose, questo è indubbiamente l’appuntamento di maggior rilievo del Festival.
La Cittadella Mantova La Cittadella Mantova