Mantova cultura 2017
Festival delle scienze
A Suzzara si guarda il mondo da una nuova prospettiva
02/11/2017
Con la seconda edizione, il Festival delle scienze si ripropone dal 2 al 5 novembre come una festa della scienza rivolta a tutti coloro che pur non conoscendo in modo specifico formule e teoremi, ne sono incuriositi e vorrebbero saperne di più. Saranno giorni di eventi e di incontri con divulgatori scientifici e ricercatori che attraverso laboratori, conferenze, presentazioni, racconteranno del clima, dei vulcani, del sistema solare, dei cambiamenti climatici e della sostenibilità ambientale, addentrandosi nei telerilevamenti delle acque, alla Bioremedation, alla scoperte sulla luce sino allo sviluppo della vegetazione acquatica. Se «il gioco della scienza è il linea di principio, senza fine», come scrive Karl Popper, questo Festival desidera offrire quegli strumenti per cominciare tale “divertimento”.

Due sono i poli che ospitano le varie iniziative. L’Istituto Superiore Manzoni, dove le equipe del CNR-IREA di Milano, del Dipartimento di chimica e geologia dell’Università di Modena e Reggio Emilia e della Sostenibilità ambientale dell’Università di Parma attuano una serie di laboratori didattici sul mondo del telerilevamento, della purificazione del suolo e degli ecosistemi ai raggi X. Il centro culturale Piazzalunga dedica le mattinate dal 2 al 4 novembre alle classi elementari e medie, con lezioni sul sistema solare curate dall’Associazione astrofili mantovani, alla scoperta dei vulcani con la prof.ssa Musacchio dell’Istituto Nazionale di Vulcanologia di Milano e con gli studenti dell’Istituto Superiore “E. Fermi” di Mantova che affrontano la depurazione delle acque.

Ma il Festival è per tutti e, sempre al centro culturale Piazzalunga, vi è la possibilità di conoscere la luce e colori, di spiegare i fenomeni legati alla vita di tutti i giorni come la fluorescenza e la fosforescenza (giovedì 2 novembre ore 17.30, Cristina Sissa, Università di Parma), i pericoli e i rischi dei terremoti (giovedì 2 novembre ore 21, Gemma Musacchio, INGV Milano), i cambiamenti climatici con Luca Mercalli meteorologo e climatologo noto al pubblico televisivo per aver partecipato più volte alla popolare trasmissione “Che tempo che fa” (venerdì 3 novembre ore 17); mentre alla sera alle ore 21 tale tematica è approfondita, per conoscere gli scenari che si prospettano in Val Padana per l’ambiente e per chi produce, da parte dei ricercatori dell’Università di Parma.

Si prosegue quindi sabato 4 alle ore 17 con Stefano Garimberti, agronomo, che affronta il problema della sostenibilità ambientale in ambito alimentare e le scelte dei consumatori. Tale incontro è preceduto, alle ore 16, dai laboratori didattici ideati e curati dal WWF mantovano per i bambini dai 7-12 anni, e seguito alle ore 21 da uno spettacolo che affronta affascinanti tematiche scientifiche, ideato dal Teatro del Sole, per bambini dagli 8 ai 13 anni dal titolo “E il cielo si fece rosso. Viaggio al centro della terra” in collaborazione con l’INGV di Milano. Il programma prosegue domenica 5 novembre alle ore 10.30 con i lettori volontari di “Nati per leggere”, che dedicano le letture a tematiche scientifiche, per terminare con la presentazione, alle ore 11, del video “Suzzara mi sta a cuore”, un progetto nato con l'intento di sensibilizzare i cittadini alle tematiche ambientali promosso dall’Associazione all’Ambiente del Comune di Suzzara, da Mantova Ambiente e realizzato dalla cooperativa “La Lumaca” con gli studenti dell’Istituto Superiore Manzoni. Intervengono il sindaco Ivan Ongari, l’assessore all’Ambiente Francesco Bianchi e per Mantova Ambiente Maurizio Bortolini.

Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito e durante i giorni del Festival è possibile visitare la mostra “La Terrasottosopra”, ideata appositamente dai ricercatori dell’INGV di Milano, per appassionare e avvicinare in modo non convenzionale il pubblico ad alcune delle più affascinanti tematiche scientifiche geofisiche.

La Cittadella Mantova La Cittadella Mantova