Visto con i nostri occhi
Sui passi di Gesù: le religiose mantovane in pellegrinaggio
08/09/2016


sr. E.Z.

Il Santuario della Madonna della Comuna di Ostiglia ha ospitato sabato 3 settembre la giornata giubilare mariana della vita consacrata. È stato un pellegrinaggio che ha lasciato ricordi positivi nel cuore e nella mente. Per il sole, per i canti e le preghiere, per la fraternità. In questa occasione si sono ritrovate insieme diverse forme di vita consacrata, compresa quella maschile grazie all’accoglienza dei Fratelli di San Francesco che lì vivono in comunità.
L’appuntamento era la mattina all’imbocco di una strada un po’ stretta e immersa nel verde della campagna che porta al Santuario. Guidate dalla preghiera e dai canti, siamo arrivate sul sagrato dove ci ha accolto mons. Gian Giacomo Sarzi Sartori, Vicario Generale e delegato del Vescovo per la vita consacrata. In silenzio abbiamo varcato la Porta Santa e recitato il Credo. Fra Mauro, rettore del Santuario, ci ha proposto un’intensa e profonda riflessione sul Vangelo di Marco, attraverso un brano (Mc 6,33-44) che sottolinea la compassione di Gesù e la nostra conformazione alla Sua.
Dopo lo spazio riservato alle confessioni, abbiamo vissuto insieme l’Eucaristia, presieduta da mons. Gian Giacomo che all’inizio della celebrazione ha letto un messaggio inviato dal Vescovo eletto Marco in occasione di questa giornata.
Terminata la celebrazione, ospitate presso la Casa del pellegrino di fronte al Santuario, abbiamo pranzato deliziosamente. Le portate erano buone, semplici e a chilometri zero. Dopo il caffè e due chiacchiere nel piccolo parco che è nei pressi, Fra Luigi ci ha illustrato la storia e le tradizioni del Santuario mariano, che riveste ancora oggi un ruolo molto importante per numerosi fedeli del Basso Mantovano.
Abbiamo concluso la giornata con la recita del rosario affidando a Maria Regina Avvocata Nostra (il titolo della Madonna della Comuna) il nostro cammino, le comunità in cui prestiamo servizio, la gente che incontriamo ogni giorno e la nostra Chiesa. Nel salone che ci ha accolto per il pranzo campeggiava una scritta, utile per tutte le circostanze della vita: “Manteniamola semplice”. Un invito francescano da non trascurare.

Alle pag. 14 e 15 del settimanale, suor Giuseppina Perico, delegata diocesana Usmi, spiega il ruolo delle religiose nelle nostre comunità e suor Annarita Cipollone ci racconta il contributo della vocazione per le nostre comunità a partire dai documenti post-conciliari fino all'esperienza del Sinodo diocesano.
La Cittadella Mantova La Cittadella Mantova