Visto con i nostri occhi
Yuri e Andrea, siate circondati di gioia!
Due seminaristi si preparano a diventare preti. Nei messaggi dei giovani di Azione Cattolica l'incoraggiamento e l'augurio per la nuova vita che sta per cominciare
01/06/2017
Mi piace pensare che Dio ha chiamato Andrea e Jury a essere pienamente e meravigliosamente don Andrea e don Jury, perché ciascuno di noi nelle sue mani può diventare un miracolo unico! E in questo senso come dev’essere un sacerdote oggi? Così come Dio l’ha scelto! E solo Lui sa il perché. Come piccolo “assaggio” della Chiesa mantovana che accoglierà i nuovi sacerdoti don Jury e don Andrea, ho pensato di proporre non tanto delle riflessioni mie, personali, ma di raccogliere più voci, attraverso i pensieri, i sentimenti e le aspettative di alcuni aderenti ai vari settori dell’Azione cattolica.
Innanzi tutto i ragazzi dell’Acr, per voce di Emma ed Elisa.
«Il sacerdote deve essere “circondato di gioia” – spiegano –: deve essere divertente e capace di attirare la nostra attenzione, farsi capire semplicemente, essere coinvolgente e sempre disponibile al dialogo, serio e affidabile. Uno che non molla mai per poter aiutare tutti, bambini, ragazzi, adulti e anziani, perché tutti si sentano amati. I preti potrebbero aiutarci a far conoscere di più l'Acr nelle parrocchie, sostenendo le nostre attività e aiutandoci a riflettere. Noi dell'Acr potremmo aiutarli nelle iniziative della parrocchia».
E i giovani che cosa si aspettano? Sentiamolo da Elisa ed Elena.
«Ai nostri occhi il sacerdote è principalmente una guida, in particolar modo per quanto riguarda la fede cristiana. È un animatore che insegna a concretizzare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti di Gesù, aiutandoci ad adeguarli anche alle situazioni che quotidianamente viviamo. Oggi che ci affacciamo sempre più al mondo dell'animazione, il prete riveste i panni di colui che "educa a educare", a mettere a disposizione dei più piccoli la nostra esperienza di fedeli, portandoci quindi a crescere non più solo dal punto di vista teorico, ma anche pratico».

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO SULLA CITTADELLA DI DOMENICA 4 GIUGNO
La Cittadella Mantova La Cittadella Mantova